Antonino Di Stefano, comandante della polizia municipale di Misterbianco è stato vittima di un grave atto intimidatorio. E’ successo davanti la porta di casa sua lo scorso sabato sera, quando alle 22.45, dei soggetti ancora ignoti, hanno dato fuoco ad uno pneumatico. Le fiamme, subito divampate, hanno destato molta preoccupazione.

Fortunatamente, il tempestivo intervento dei vicini e dello stesso comandante, sceso in strada con secchi d’acqua, hanno evitato il peggio. Il fuoco, infatti, avrebbe potuto prendere anche le auto circostanti, provocando un’esplosione.

Il comandante, che da anni combatte in città contro l’abusivismo, vede nel gesto un chiaro segnale intimidatorio, ma di contro afferma di essere  «gratificato dall’assenza di omertà, che fa ben sperare. Ringrazio i vicini, i vigili del fuoco, i Carabinieri ora all’opera e quanti mi sostengono; non sono per nulla intimidito, anzi sento rafforzate le mie energie per continuare il nostro lavoro contribuendo alla difesa della legalità, convinto che occorra impegnarsi tutti per il rispetto delle regole».

Il sindaco si è mostrato molto vicino al comandante: “nessuna intimidazione ci fermerà” ha infatti dichiarato.